La normativa rende obbligatorio lo strumento informatico per la gestione del Whistleblowing. 

La Legge 179/2017 sul Whistleblowing approvata il 15/11/2017 a tutela del dipendente pubblico e privato prevede che sia predisposto ” almeno un canale alternativo di segnalazione idoneo a garantire, con modalità informatiche, la riservatezza dell’identità del segnalante.

Segnalazioni.net consente di regolamentare le procedure atte ad incentivare e proteggere le segnalazioni degli illeciti in linea con il dettato normativo e linee guida ANAC. È lo strumento informatico che consente agli operatori del settore Pubblico o Privato di effettuare segnalazioni di illeciti con la garanzia di estrema riservatezza.

Nel pieno rispetto della normativa, segnalante, responsabile o organismo di vigilanza possono accedere alla propria area riservata tramite una piattaforma gestionale, ottimizzata per l’accesso da qualsiasi dispositivo.

Il software è allo stato di fatto l’unico sistema che tutela anche e soprattutto i funzionari responsabili dalle importanti sanzioni previste dalla norma, potendo tracciare e certificare la corretta istruzione delle pratiche e la segretezza delle stesse.

WHISTLEBLOWING VERSIONE 3.0

DigitalPA ha recentemente rilasciato la nuova versione della piattaforma, questi i principali aggiornamenti:

  • Nuove modalità di registrazione configurabili per i segnalanti
  • Possibilità di seguire l’esito della segnalazione per i whislteblower
  • Implementati nuovi sistemi di sicurezza a garanzia di maggiore riservatezza
  • Multilingua
  • Gestione dedicata per RPCT, ODV e Collaboratori
  • Possibilità di interazione con soggetti terzi rispetto al segnalante e al responsabile
  • Multiente

L’APPLICATIVO NON È SOGGETTO A COSTI DI LICENZA

Whistleblowing | Segnalazione | Illeciti


Riferimenti normativi
Legge Whistleblowing n° 179/2017 e D.Lgs. 231/2001 a tutela del dipendente pubblico e privato che prevede che sia predisposto ” almeno un canale alternativo di segnalazione idoneo a garantire, con modalità informatiche, la riservatezza dell’identità del segnalante.